A margine del corso sulla riforma del Codice dell'amministrazione digitale, è emerso in maniera molto forte il problema della responsabilità di procedure, processi e procedimenti in capo a funzionari e a dirigenti pubblici. La responsabilità è una cosa seria, che richiede rigore, preparazione e - appunto - accountability. I funzionari e i dirigenti pubblici devono avere il controllo della propria responsabilità (tecnica, decisionale, di regolarità contabile, etc.) senza alcuna interferenza e senza cercare di suddividerla con altri colleghi per spartirsi le difficoltà. Anche in caso di scomposizione di un procedimento in sub-procedimenti, è sempre fondamentale che ognuno risponda del proprio pezzo e che, appunto, come emerso in un efficace dibattito, la valutazione deve premiare chi sa decidere.

I concetti sono stati sintetizzati in una frase di Limone e Penzo Doria: "Ognuno di faccia i propri procedimenti e non quegli degli altri". In concreto, ognuno deve essere messo nelle condizioni di rispondere di quanto agito facendo il proprio mestiere e, soprattutto, non interferire (negativamente) nell'iter di quello degli altri.

Corso sulle modifiche al CAD - novembre 2016

Il CAD completo con le definizioni eIDAS 

 


Procedamus si svolge in collaborazione con: